Packaging: molto importante nel food e non solo

PACKAGING: MOLTO IMPORTANTE NEL FOOD E NON SOLO

Il packaging è un buon biglietto da visita per raccontare la storia del tuo brand. Scopri come avviene la progettazione del packaging in casa Mad Fever.

Basta fare un giro tra gli scaffali di un supermercato per rendersene conto: il packaging di alcuni prodotti, alimentari e non, riesce a catturare la tua attenzione rispetto ad altri. Questo accade perché, come diceva Steve Jobs “il packaging può essere teatro, può creare una storia”. In questo articolo proveremo a raccontarti in che modo un packaging creativo può fare la differenza, aiutando le aziende a conquistare il proprio spazio.

Packaging design: significato e caratteristiche

Nel marketing la confezione di un prodotto ha un ruolo di spicco per garantire visibilità e vendite. Ma cosa intendiamo esattamente quando parliamo di packaging design? La creazione del packaging rappresenta un vero e proprio progetto creativo, che segue determinati principi e caratteristiche, sulla base di un accurato studio e di una strategia ben definita. Il packaging deve rispondere alle funzioni di conservare e proteggere un prodotto (food o non food), ma serve anche a informare il consumatore, raccontando al meglio il brand.

 

Oltre a rispecchiare i valori e la personalità dell’azienda, la confezione dovrà fornire tutti i dettagli necessari in modo rapido e immediato. In sintesi, ecco quattro aggettivi che caratterizzano un packaging progettato a regola d’arte:

  • Semplice: la confezione dovrà essere comoda e facile da aprire e chiudere. Chi acquista un prodotto non ha certo voglia di perdere tempo ed energie per risolvere un rompicapo, per quanto bello e originale possa apparire;
  • Creativo: come abbiamo detto, sugli scaffali dei supermercati regna la competizione tra prodotti e brand diversi. Distinguersi non è semplice. Ecco che un packaging creativo e ben studiato può essere l’arma vincente;
  • Informativo: il packaging deve mostrare al primo impatto i punti di forza del prodotto, facendone risaltare il valore aggiunto;
  • Sostenibile: l’attenzione nei confronti dell’ambiente deve trasparire sin dalla confezione. Per questo, optare per un packaging sostenibile è una scelta che esprime in modo evidente l’impronta green di un brand.

I vantaggi di un packaging personalizzato

La progettazione del packaging porta risultati concreti, non c’è dubbio. Se finora abbiamo visto le principali caratteristiche di un packaging innovativo, è il momento di scoprirne i vantaggi.

Come puoi facilmente intuire, il packaging aumenta la visibilità e la riconoscibilità del brand. Più che un semplice contenitore, la confezione può trasformarsi in un’autentica icona.
Ma c’è anche un’altra opportunità da non sottovalutare: quella di comunicare in modo diretto ed efficace, raccontando il prodotto tramite il font, le immagini e le parole utilizzate.
Tutto questo si traduce in un aumento delle vendite: se il packaging si fa notare e colpisce in modo positivo i potenziali consumatori, i risultati non tarderanno ad arrivare.

In ballo c’è, poi, la possibilità di aumentare la credibilità dell’azienda: dare importanza al packaging è, infatti, sinonimo di attenzione alle esigenze e ai bisogni dei clienti, e genera un senso di fiducia da parte loro.

Come avviene la progettazione di un packaging in casa Mad Fever?

Se ti è già capitato di fare alcune ricerche sul tema, ti sarai accorto che esistono diversi “packaging trends” food e non solo. Ma quali sono le fasi che portano alla realizzazione di un pack?

Per noi di Mad Fever, la progettazione del packaging è un’avventura appassionante, una sfida sempre nuova che offre infinite possibilità creative. Che si tratti di packaging alimentare o no, il nostro obiettivo è quello di renderlo unico. Ecco come:

  • Per prima cosa studiamo il prodotto, il settore merceologico di riferimento e i competitor. Se si tratta di un prodotto food, facciamo un passo in più e ci rechiamo nei supermercati per osservare gli altri packaging della stessa categoria sugli scaffali. Guardarli con i nostri occhi ci permette di studiarli da vicino. Spesso collaboriamo con il cliente nella scelta del materiale o con il fornitore nella progettazione.
  • Passiamo poi, allo studio cromatico: valutiamo se preferire colori freddi o caldi, oppure accostare più colori, e talvolta consideriamo l’inserimento di elementi fotografici e/o di trasparenze. Un assaggio?

Per la confezione dei panzerottini Florigel abbiamo scelto di combinare le due cose, e abbiamo realizzato un packaging che nei colori potesse richiamare il classico incarto dei prodotti appena sfornati. Nel caso delle confezioni dei Regionali Maffei, invece, abbiamo lasciato alla trasparenza il compito di mostrare il prodotto, rendendo la pasta protagonista.

Sempre di bontà si parla, ma in chiave casearia, con il pack dei prodotti Montrone: per il packaging Montronella volevamo aggiungere quel tocco in più alle bontà pugliesi. Così abbiamo scelto di abbinare il colore bianco del latte e il verde del logo con il color tortora. Anche qui la trasparenza è una scelta mirata a mettere in luce il prodotto, esaltandone le qualità. Sempre a proposito di eccellenze del food, ci siamo cimentati nella creazione del packaging per il Consorzio tutela della Burrata di Andria I.G.P.

Il risultato è stato un involucro che ricorda la purezza e la genuinità della burrata stessa, vero fiore all’occhiello della produzione casearia Made in Puglia.

Per citare un prodotto che non rientra nella categoria food, per il packaging di Erbenobili abbiamo colto l’opportunità di usare le illustrazioni per raccontare il brand, come nel caso della linea pediatrica Carezze Nobili.

Dopo aver definito l’aspetto cromatico, passiamo allo studio del font e all’inserimento delle informazioni tecniche. Come abbiamo visto, un buon packaging deve anche fornire tutte le informazioni necessarie e rispettare precise normative. Conoscendo quelle che regolano le tabelle nutrizionali, l’inserimento degli ingredienti e dei loghi delle certificazioni (Vegan ok, gluten free, etc.) stiamo sempre attenti a trovare l’equilibrio giusto tra creatività e informazione, nel segno della chiarezza. Ciò avviene in particolar modo per la progettazione di packaging indirizzati sia al mercato italiano che a quello estero: tornando a citare Erbenobili, un esempio è quello del pack di D-Nobile (vitamina D). Qui la confezione è minimal ed essenziale, ma sintetizza le proprietà del prodotto giocando con forme e colori.

Insomma, con il pack si può raccontare davvero tanto, in moltissimi modi diversi. Questa è solo una piccola panoramica di ciò che si cela dietro la progettazione del packaging. Vuoi approfondire l’argomento e scoprire cosa possiamo fare per te? Non ti resta che contattarci per fare due chiacchiere: insieme troveremo la soluzione su misura per dare forma alle tue idee.

Condividi l’articolo su:

Il Social Media Marketing secondo Mad Fever
Il Pan Montrone cambia il gusto del tuo Natale
Menu